Iscriviti alla nostra newsletter qui

Trova il tuo negozio Izas qui

L'importanza di indossare calze tecniche in montagna

La importancia de usar calcetines técnicos en montaña

Quanta importanza dai alle tue calze?

Andiamo in montagna equipaggiati con i materiali più adeguati e tecnici, ma tu indossi le calze giuste? È un errore fin troppo comune, ma devi risolverlo. Ti spiegheremo perché utilizzare calzini tecnici per ogni attività e quali acquistare.

Così come è importante utilizzare buone calzature impermeabili e traspiranti per le vostre attività in montagna, è necessario indossare anche delle buone calze da montagna, altrimenti può essere piuttosto spiacevole e scomodo camminare con il piede pieno di fastidio. Le ragioni sono ovvie: un piede bagnato, sia perché si entra in una pozzanghera o si inzuppa di sudore, aumenta esponenzialmente il rischio di soffrire di problemi di sfregamento e vesciche , così come funghi, unghie nere e altre condizioni a lungo termine.

Ciò trasforma un'escursione in una vera e propria sofferenza dovuta a disagio e dolore, provocando anche altri disagi associati come lesioni o dolore quando il fastidio al piede ci costringe a sbagliare passo .

Non importa quanta piccola montagna hai fatto finora, sarai consapevole dell'importanza che i tuoi piedi siano asciutti e ad una temperatura confortevole per il corretto svolgimento dell'attività.

Per questo motivo sia l'impermeabilità che la traspirabilità dello scarpone sono fondamentali ed entrambe le caratteristiche devono essere adattate alla tipologia di terreno e alle condizioni in cui verrà svolta l'attività. Molte volte ci lamentiamo quando vediamo che la traspirabilità dello scarpone o della sneaker non è ottima come pensavamo e questo problema può essere facilmente risolto sostituendo il calzino che usi quotidianamente con uno tecnico.

Non ha senso avere uno scarpone da trekking con tutte le caratteristiche e i vantaggi che offre per poi poterlo utilizzare con il primo calzino che troviamo nel cassetto. Le caratteristiche di traspirabilità e comfort devono essere uguali e, almeno, la calza respira con la stessa efficienza della calzatura.


I materiali

Nel caso delle calze, eviteremo a tutti i costi materiali idrofili , che assorbono l'umidità o, se questi materiali sono presenti nella calza, faremo in modo che lo facciano negli strati più vicini alla pelle e la loro funzione sia quella di assorbire umidità in modo che gli strati esterni possano espellerla verso l'esterno.

Ci concentreremo sul caso specifico di un materiale molto utilizzato nelle calze sportive: il cotone è una fibra che scarteremo nelle nostre calze tecniche da montagna, potendo utilizzarlo, ovviamente, in una piccola percentuale quando l'attività è escursione che non è molto impegnativa in termini di difficoltà, come temperatura, come durata. Cercheremo di evitare questo materiale poiché la sua idrofilia assorbe molta umidità e impedisce alle calzature di evacuarla verso l'esterno. Sappiamo che la fama del cotone come materiale confortevole e traspirante ha ancora molti difensori, ma questo è un errore quando lo si utilizza in calzature da montagna chiuse poiché affinché il cotone si asciughi rapidamente deve essere in un luogo ventilato e soleggiato, qualcosa di assolutamente diverso da quello che troveremo all'interno di uno scarpone o di una scarpa da montagna.

La scarsa traspirabilità e il surriscaldamento prodotto da una calza di cotone sono gli ingredienti che finiscono per provocare gravi disagi durante la camminata. Le calze di cotone, dopo aver accumulato umidità, tenderanno a formare rughe che porteranno alla comparsa di sfregamenti o vesciche sui nostri piedi, oltre a causare problemi di raffreddore in caso di alta montagna o attività invernale .

Solitamente troviamo diversi materiali nelle calze: poliestere (idrorepellente) e poliammide (meno idrorepellente ma più resistente) come materiali principali, separatamente o combinati, poiché offrono resistenza e traspirabilità, e possono essere sostituiti dalla lana merino in quelle modelli che optano per fibre naturali . Una piccola percentuale di elastan per dare una vestibilità precisa e nei modelli più invernali vengono utilizzati anche altri materiali che forniscono calore come il polipropilene o le fibre acriliche .

Ovviamente, i produttori di solito utilizzano tessuti con marchi registrati (Coolmax, Nylon, Lycra... per fare solo tre esempi noti) o nomi un po' criptici, anche se la base sono solitamente sempre questi materiali che stiamo nominando. Oltre ai materiali, è importante conoscere la proporzione di ciascuno di essi, poiché dalla quantità di materiale utilizzato possiamo farci un'idea delle caratteristiche che avrà durante l'utilizzo.

Costruzione

Cercheremo di evitare le cuciture nei calzini, anche se sappiamo che ciò è impossibile con la tecnologia attuale. Il collegamento tra le varie parti delle calze tecniche deve avvenire tramite cuciture piatte lontane dalle zone di maggior attrito , come la suola o i talloni. In questo modo eviteremo che il continuo attrito durante la camminata finisca per farci male.

Terremo inoltre conto che la calza tecnica presenta quello che solitamente viene chiamato “body mapping”, ovvero composizioni e spessori diversi a seconda della zona del corpo (in questo caso il piede), delle sue funzioni durante l'attività e le sue caratteristiche di sensibilità o sudorazione, tra molte altre variabili da tenere in considerazione. In questo modo, le zone più esposte all'attrito con le calzature saranno protette con uno spessore di tessuto maggiore e quelle zone dove l'evacuazione del sudore è più efficace saranno potenziate con materiali più sottili e traspiranti. Allo stesso modo, le zone elastiche saranno sempre sufficientemente grandi e saranno posizionate in zone strategiche per consentire al piede di adattarsi ma senza comprometterne la mobilità o la circolazione sanguigna.

L'altezza della calza sarà fondamentale a seconda dell'attività che andremo a svolgere, cercando calze alte con protezione extra nella tibia in quelle attività in cui utilizziamo scarponi alti e rigidi, come nel caso dello sci, e bassi" calzini alla caviglia in attività molto attive. aerobica che facciamo con il caldo.

Un tipo di costruzione a strati è comune anche nei calzini di fascia alta. I primi strati, quelli a contatto con la pelle, sono solitamente realizzati in materiale più piacevole al tatto ed eventualmente vengono utilizzati materiali leggermente assorbenti l'umidità. Gli strati intermedio ed esterno evacuano il sudore verso l'esterno e svolgono un ruolo termoregolatore. A seconda del numero di aghi delle macchine utilizzate nella produzione, anche l'elasticità o la resistenza possono variare tra i diversi modelli, sebbene queste non siano informazioni che solitamente compaiono nelle caratteristiche tecniche del prodotto.

Lo stesso vale per la compressione offerta dalla calza. Esistono diversi modelli di calze alte che offrono una compressione graduale nel soleo e nel gastrocnemio , che favorisce il ritorno venoso e regola la temperatura corporea, rendendo le gare più efficienti. Queste tecnologie di compressione nelle calze possono essere utilizzate durante l'attività fisica, ma anche prima per favorire il rilassamento e successivamente per rendere più sopportabile il recupero dopo lo sforzo. Abbiamo già parlato di questo argomento in questo articolo riguardante i capi compressivi nelle gare che vi invitiamo a leggere.

Negli ultimi anni stiamo osservando come le calze più tecniche distinguano sempre tra piede destro e piede sinistro . Questa, lungi dall'essere un aneddoto o una moda, è una delle caratteristiche tecniche più importanti delle calze, poiché consente di differenziare perfettamente le zone di ammortizzazione, compressione e attrito di ciascun piede, senza aggiungere altro materiale o pressione dove non lo fa. appartenere. Quindi non solo i vantaggi di indossare la tecnologia solo nella zona in cui serve, ma anche il comfort e l'ergonomia sono studiati in base al piede su cui la utilizziamo.

Regolazione della temperatura e dell'umidità

In relazione al punto precedente della tipologia costruttiva, alcuni modelli utilizzati per l'alpinismo, la spedizione o le temperature gelide sono realizzati con spessori molto marcati. Tendono ad essere realizzati formando piccole scanalature, modellando canali di evacuazione che consentono il rilascio di calore e umidità eccessivi esterno. delle calzature.

Abbiamo parlato dell'importanza di non surriscaldare il piede o di mantenerlo bagnato troppo a lungo, ma come può un calzino evitare ciò? In sostanza attraverso una corretta traspirabilità che si ottiene utilizzando materiali e tecnologie che permettono di avere una temperatura adeguata all'attività e alle condizioni climatiche ambientali, fornendo calore quando fa freddo ed evitando il surriscaldamento nei periodi più caldi.

Igiene

Non è un segreto che la biancheria intima e i calzini siano alcuni degli articoli che necessitano di essere lavati di più. Il fatto di accumulare sudore e batteri durante l'attività ci porta ad adottare misure igieniche estreme con questi articoli. Mettiamo qui il link su come lavare il tuo intimo tecnico così saprai come eseguire una perfetta manutenzione se vuoi che duri a lungo.

Tuttavia, la particolare natura della montagna rende difficile o impossibile lavare quotidianamente questi indumenti. I produttori ne sono consapevoli e aggiungono ai loro indumenti trattamenti e materiali che impediscono la proliferazione di batteri, funghi e altri agenti patogeni .

L'utilizzo della lana nelle calze non richiede l'applicazione di trattamenti aggiuntivi, grazie alle caratteristiche antibatteriche della lana. Quando le calze sono in fibre sintetiche, i trattamenti più comuni vengono effettuati con fili d'argento o altre fibre naturali antibatteriche . Una menzione speciale meritano le tecnologie Regenactiv e BMax di Lurbel , per questo vi invitiamo a leggere l'articolo che abbiamo scritto a riguardo.

In genere, tutte le calze di fascia alta contengono tecnologie, materiali o trattamenti antibatterici, ma in caso di dubbi, assicurati di chiedere al nostro team di vendita, sia sul sito web che nei negozi fisici.

Comfort e vestibilità adeguati all'attività

Le zone più morbide della calza coincidono solitamente con la pianta dei piedi e i talloni. Ciò ha due ragioni: da un lato aumenta l'ammortizzazione e la sensazione di comfort in combinazione con la soletta della scarpa stessa e, dall'altro, la protezione dagli sfregamenti . È qualcosa di cui abbiamo già parlato commentando il “body mapping” ma che non va dimenticato.

Il comfort, però, va oltre la quantità e la qualità del materiale utilizzato nelle zone più sensibili. Ha a che fare anche con una calzata precisa che è legata anche alla specificità delle forme, non solo che le taglie siano corrette, ma che la calza sia pensata appositamente per i piedi di uomini, donne o bambini .

Ma c'è troppa differenza tra le attività per dover cambiare calzini tra di loro? Ovviamente. L'intensità dell'attività sportiva, l'ammortizzazione necessaria, le zone di attrito, la temperatura alla quale si svolge abitualmente, il movimento del piede, il tipo di calzature con cui si svolge l'attività... sono tutte premesse che devono essere prese in considerazione presi in considerazione quando si sviluppa una calza tecnica. Tant'è che troviamo differenze sostanziali tra calze per la corsa su asfalto o per la corsa in montagna o, per proseguire nella stessa disciplina, calze adatte alle corse brevi o ultra distanze. È importante che se desideri il massimo livello tecnico per un'attività specifica, sai esattamente in cosa consisterà tale attività.

Durabilità

Un altro punto importante nella scelta delle calze è la durata che offrono. Normalmente la durabilità è solitamente legata ai punti precedentemente menzionati come materiali, costruzione, spessore nelle zone più esposte all'attrito... Lo abbiamo già detto prima: normalmente materiali molto sottili richiedono maggiore cautela e dobbiamo ipotizzare una durabilità inferiore a il costo dei vantaggi che ci offre, in questo caso la traspirabilità come il più grande di essi.

Se quello che vogliamo è un calzino molto resistente, dovremmo sceglierne uno con uno spessore sufficiente per consentire una maggiore resistenza allo sfregamento. Sappiamo che ciò che guadagniamo in durabilità lo perderemo in termini di evacuazione del sudore e rischio di surriscaldamento del piede, ma per ora la tecnologia tessile non consente di avere tutto in tessuti pregiati. Inoltre, ovviamente, facciamo molta attenzione al taglio delle nostre unghie , evitando di indossarle inutilmente lunghe o con estremità eccessivamente spigolose che agiscono come seghe nel tessuto delle calze.